Browsing Tag

esposizione

Exhibition, Salone del Mobile

Details on a small scale

Suggestiva e particolarmente romantica l’esposizione messa in scena da Society, in occasione della Milan Design Week, nello showroom in Via Palermo 1 a Milano, nel cuore di Brera. Decine di piccoli letti vestiti da colorate e tramate lenzuola firmate Society richiamano l’attenzione degli occhi più curiosi. Ad ogni composizione è abbinata una lente di ingrandimento che mette in evidenza tessitura e dettagli dei tessuti.

Striking and particularly romantic is the exposition by Society, in the occasion of the Milan Design Week, at the showroom in 1 Palermo Street (Milan) in the heart of Brera. Tens of tiny beds dressed up with colored and patterned sheets signed by Society draw the attention of the most curious eyes. Each art piece has hand lents placed to stress the textile’s details. Continue Reading

Art, Exhibition, Recycle

The art of make do and mend

Made in Slums, la mostra al Triennale Design Museum fino al 16 Febbraio 2014, mette in luce gli oggetti autoprodotti dagli abitanti di Mathare, Nairobi. Dalla presina per pentole all’arricciacapelli, tutti gli utensili sono realizzati con scarti di legno, vecchie lamiere o bidoni; per molti di essi il risultato è puro design. Curata da Fulvio Irace, l’esposizione nasce dal lavoro sul campo dell’ONG Liveinslums che ha coinvolto, tra gli altri, anche il giovane designer Francesco Faccin.

Made in Slums, the exhibition at Triennale Design Museum until February 16, highlights objects produced by the inhabitants of Mathare, Nairobi. From potholder to curling iron for hair: all the utensils are made from scraps of wood, old metal sheets and bins. For many of them, the result is pure design! The exposition, curated by Fulvio Irace, stems from the fieldwork of NGO Liveinslums that involved the young designer Francesco Faccin. Continue Reading

Art, Exhibition

Inspirations in the shape of pattern

Oggetti abbandonati, collezionati per anni e scrupolosamente catalogati, fino a diventare pattern in larga scala sulle pareti del Padiglione della Repubblica di Serbia. L’esposizione Nothing Between Us (Nulla Tra Noi) ospita l’artista Vladimir Perić che con i suoi lavori dona nuovo valore a materiali ritrovati di ogni genere. Non è difficile riscontrare nelle sue opere la sua formazione da grafico: centinaia di lamette meticolosamente allineate ricoprono un’intero muro, vecchi nastri diventano maschere impaurite che sembrano osservare il visitatore. Si ritrova in queste installazioni un’infinita fonte di ispirazione.

The Serbian Pavilion works as an “art box” whose faces are patterned -on grand scale- with disused objects, collected over the time and meticulously classified. The artist Vladimir Perić, within Nothing Between Us exposition, gives an added value to various rediscovered materials. Easy to identify his education as a graphic designer: hundreds of razorblades, precisely aligned, that cover a whole wall as a pattern. Old videotape’s skeletons turn into scared masks that seem to observe quietly the visitor. An unlimited source of inspiration at your disposal! Continue Reading

Art, Exhibition

Arsenale: obsessions for art expression

Quasi a metà della sua durata, la mostra-ricerca dal titolo Il Palazzo Enciclopedico continua ad accogliere visitatori da tutto il mondo. A Venezia la 55. Esposizione Internazionale d’Arte curata da Massimiliano Gioni e organizzata dalla Biennale di Venezia presieduta da Paolo Baratta, si divide nei padiglioni ai Giardini, all’Arsenale e nel centro storico. 88 i paesi che partecipano e più di 150 gli artisti provenienti da 38 nazioni.
Nella prima immagine l’installazione The Victory di Mariam Haji all’interno dell’esposizione In a world of tour own del Padiglione Regno del Bahrain.

Almost in the middle of its life, the exhibition-research named Il Palazzo Enciclopedico keeps on receiving people all over the world. The 55th International Art Exhibition, in Venice, curated by Massimiliano Gioni and organized by Biennale di Venezia, directed by Paolo Baratta, develops itself in the Pavilions at the Giardini, at the Arsenale and in the historic center. 88 participating countries, more than 150 artists from 38 nations are the numbers that count for this exposition.
In the first image the installation The Victory by Mariam Haji part of the exposition In a world of tour own in Kingdom of Bahrain Pavilion. Continue Reading